Il caffè secondo i F.lli Pasqualini

Home » Blog » Il caffè secondo i F.lli Pasqualini

Il caffè secondo i F.lli Pasqualini

La produzione del caffè – visita alla F.lli Pasqualini di Cisano sul Neva

Il 17 febbraio 2022 la classe 4 del liceo Economico Sociale è andata a far visita all’azienda F.lli Pasqualini, una famiglia che da oltre 50 anni si occupa di caffè con prodotti di eccellenza assoluta.

Durante tutta la mattinata siamo stati accompagnati dal titolare, l’imprenditore Andrea Pasqualini, il quale ci ha spiegato che l’azienda è a integrazione verticale: parte dalla materia prima (dal chicco di caffè) fino ad arrivare al prodotto finito (il caffè in tazza).

La lavorazione del caffè

La lavorazione che effettuano si articola nelle seguenti fasi: una volta importato il caffè grezzo da diversi paesi dell’America Latina o dall’Asia, procedono con la tostatura che arriva fino a 200 gradi, poi si ha il raffreddamento ad aria così da non rovinare il chicco e mantenerlo integro, il confezionamento, diverso a seconda della destinazione finale ed infine l’imballo pronto per la distribuzione. Tutto questo viene effettuato tramite macchinari all’avanguardia.

Brand Identity

Punto di forza dell’azienda è l’attenzione e la cura del dettaglio: il packaging, infatti, richiama sempre i colori dell’azienda, verde e oro, in modo da far sì che il prodotto sia sempre riconoscibile per tutti i consumatori.

Come abbiamo studiato il brand è il primo elemento con cui relazionarsi con il consumatore per poterlo fidelizzare e differenziarsi dalla concorrenza.

Evoluzione del mercato

Ci ha poi mostrato che al loro interno offrono corsi di caffetteria specializzati per gli addetti alla ristorazione e ci ha spiegato l’evoluzione che ha avuto il caffè negli ultimi anni in seguito al cambiamento della società e dei gusti delle nuove generazioni: ad esempio una grossa rivoluzione nel settore si è avuta con l’introduzione delle “capsule”, molto più rapide, anche se meno economiche, che hanno sostituito la “moka” considerata più lenta.

Un altro caso è la catena Starbucks e i suoi caffè “al bicchiere” che il giovane universitario sorseggia mentre studia, un caffè diventato una bevanda, e molti altri esempi.

Nuova generazione

Una parte molto interessante è stata la spiegazione, da parte del nipote Jacopo, dell’e-commerce sviluppatosi negli ultimi anni soprattutto, con grande successo, durante la pandemia Covid-19.

È l’emblema del marketing vero e proprio, perché ogni azienda è in competizione con tutto il mondo e per vendere il suo prodotto punta sì sull’ immagine ma più di tutto sulla pubblicità che la Pasqualini effettua tramite annunci sui social più influenti, come Instagram o Facebook, ma anche su Google in modo da avere il prodotto in prima pagina; quindi quando si andrà a digitare sulla barra di ricerca “caffè” uscirà l’azienda Pasqualini tra i principali siti possibili.

Infine abbiamo visitato il loro shop, oltre al caffè espresso classico la torrefazione Pasqualini offre diverse alternative come l’orzo, il caffè solubile, il miele, la cioccolata, biscotti al cioccolato o al caffè e prodotti tipici liguri a km zero.

E’ stata per tutti noi studenti un’esperienza veramente interessante che ci ha permesso di vedere concretamente come funziona un’azienda, tanto studiata sui libri di scuola, ma ciò che ci ha più colpito è stato capire perfettamente i discorsi, a volte anche con una terminologia specifica, del signor Pasqualini e dei suoi collaboratori: i concetti astratti applicati alla realtà lavorativa.

Ringraziamo ancora tutti per la disponibilità e il tempo che ci hanno dedicato, la generosità che hanno mostrato: i caffè, capuccini, cioccolatini, focacce, ecc, che ci hanno gentilmente offerto mettendoci perfettamente a nostro agio per farci trascorrere una serena mattinata di apprendimento sul campo. E’ significativo ed importante, secondo noi, che le aziende del territorio credano nel nostro modello educativo e formativo e si prestino a costituire una preziosa collaborazione con il mondo della scuola a tutto vantaggio di noi studenti.

Alice Delpiano e Veronica Gai

Share: